martedì 20 giugno 2017

Progressione

Poco tempo per volta, massimo una trentina di km per uscita, ma a ritmo sostenuto.
Questo è l'andazzo per ora, e me lo faccio piacere e bastare. Poi capitano a volte giornate come quella di ieri, in cui riesco a fare Onno+ Colma e tornar a casa con quasi 27 di media, in buona compagnia, e con 120 km nelle gambe. Felice. 
Ho metà dei km fati nello stesso periodo del 2016, ma sto salendo di condizione (e scendendo di peso), mirando allo Stelvio, che forse quest'anno riesco a farlo.
Intanto vorrei cercare di programmare prima una propedeutica Valcava o meglio ancora sarebbe un Bisbino.

Alla prossima

lunedì 15 maggio 2017

Il lungone nella bergamasca

Centosessanta km circa, una roba così a metà maggio non l'avevo mai fatta.
Con una media poi di circa 27,5km/h, gran parte della distanza davanti a tirare e con il Selvino in mezzo tirato nel tentativo (respinto di poco) di batter il precedente PB.
Scollino in terza posizione, dietro un redivivo Capitano ed un Alfione che gli pedala in scia tutto il tempo. Io arrivo 50" dopo, e Kapi una ventina di secondi dopo di me.
Insomma un gran giro, con passaggi suggestivi nel canyon di Bracca, e sui fiumi Brembo e Adda (Calusco) ... e la buona notizia è che mi è passato del tutto il dolore al polpaccio.

Alla prossima

giovedì 11 maggio 2017

Crack?

Forse per le scarpe non adatte e per giunta consumate, forse per un ritmo troppo spavaldo in fase i iniziale, forse per l'umidità, ma ieri si è (e speriamo si riaddormenti) un vecchio strappetto muscolare al soleo sinistro.
Dopo meno di un paio di km sento nettamente che il dolore è localizzato e pungente ad ogni passo. Mi fermo 3 o 4 volte, massaggio e riparto. Ma zoppico mentre corro. E così ancora oggi, zoppico mentre cammino.
Stasera provo a fare i rulli, speriamo di riuscire almeno a pedalare ...cazzarola!

Alla prossima

martedì 9 maggio 2017

Ammirato sul Monte sant'Angelo
















36 ore a Foggia, un passaggio veloce per stare un po' con i miei, di rientro da una trasferta a Cosenza.
Trovo il tempo per un paio di partite a Subbuteo col cinghialone, e soprattutto il tempo per l'assalto alla salita di casa, Monte Sant'Angelo, dove tutto era iniziato un po' di tempo fa.
Mi segue in auto come fosse il mio DS con ammiraglia, Rine, l'amico d'infanzia più sincero, che con 37'32" detiene il record sul tracciato, contro il mio best di 40'29", vecchio però di 3 anni.
E' tutto un incitarmi a colpi di clacson e urla, mentre salgo senza borraccia, senza casco senza occhiali senza kit riparazione....ho dimenticato tutto, ma insomma alla fine è un risparmio di peso complessivo.
Il ritmo è di fatto regolare, salgo a 15 all'ora ma per tenere la costanza devo spremermi nei primi due km, dove la pendenza è più severa. Lo pago nella parte in cui si dovrebbe e potrebbe spingere un rapporto più lungo, ma alla fine verrò comunque premiato. Con 37'10" posso ripartire felice e soddisfatto.

Alla prossima


lunedì 1 maggio 2017

Per un pugno di secondi (PB sul Morterone)

Forse non avevo mai tirato abbastanza, qui sul Morterone. 

E certamente sono arrivato un pochino in conserva di energie, senza tirare sulla Ballabio dove mi lascio sfilare dal gruppo per poi recuperare solo su Sergigno ed Eraldone, senza più beccare il Capitano né Alfione.
Ma quando partiamo per il Piccolo Stelvio cambio subito marcia e con una serie di scatti cerco di liberarmi di Alfione, oggi in gran forma. Ci riesco al sesto o settimo scatto, ma il vantaggio è irrisorio e comunque sento di non avere il passo dei giorni migliori, né il peso forma, quindi lo aspetto, è inutile forzare. Andiamo così insieme fino a 1 km dall'arrivo, con lui in scia, quando decido che ho abbastanza energie per allungare. lo faccio e rimango solo, chiudendo in 21'02". Arriverò in cima con una trentina di secondi scarsi di vantaggio, ma con la soddisfazione di essere tornato a fare un PB, dopo un lungo periodo di magra. 

Alla prossima

mercoledì 26 aprile 2017

Nesso, Autodromo, Villasanta

Tre giorni intensi, e ovviamente oggi mi fanno male i polpacci. 
Domenica 23 giro da 120km in bdc scalando la Colma dal versante di Nesso, facendo compagnia ai passistoni e senza battagliare con nessuno scalatore. 
Lunedì 24 autodromo per una cinquantina di km che doveva essere seduta di scarico, ma figuriamoci se lo è stata: media complessiva 32, media dentro la pista credo 37/38. 
Martedì 25 mi sveglio con una gran voglia di fare una seduta in pista a Villasanta, 10x200 penso, ma sto bene e allora ne faccio 15, media 42" circa, recuperando 1' al passo. 

Il giovedì precedente, per la cronaca, ero riuscito a correre, non senza sforzo, 10km a 5'. Un successone. E intanto il peso sta tornando a livelli normali.

Alla prossima

sabato 22 aprile 2017

Surrogato

Il CORNIZZOLO CHALLENGE alla fine salta, per un triste lutto che colpisce un nostro compagno di pedale.
Sicchè due giorni dopo, è il lunedì di pasquetta, e si improvvisa un giro più modesto sul Colle Brianza dove seppur non dichiarata ci sarà comunque la battaglia, su un terreno diverso dal Cornizzolo. Ma è stata battaglia comunque. 
Scarico dai polmoni, cuore e muscoli tutto quel che ho, lascio dai primi metri indietro Kapi fino a portarmi a distanza di sicurezza, fino ad una trentina di secondi scarsi, che poi lui mi rosicchia voracemente verso al fine, quando le energie residue sono poche. Chiude, lui, con il suo nuovo record personale, un minuto meglio del suo precedente, io gli arrivo comunque davanti, di soli 13", ma bastano.  Chiudo in 13'55" la mia 39esima volta in cima al Colle Brianza, un minutino sopra il mio PB ottenuto però in un mese più caldo, al top della mia forma e al best del mio peso forma.
Ho la certezza che ho imparato ad allenarmi, a gestirmi, e che non fosse arrivato questo stimolo non avrei ripreso a pedalare come invece è successo. Grazie Kapi!
Nel frattempo ho anche ripreso a correre, con una certa frequenza intendo, non so per quanto durerà, ma dai 6km a 6'30"/km di un paio di mesi fa, ora corro 10km a 5'/km. E 2,5 dei 5kg  di troppo sono stati eliminati.
Ho anche calpestato la pista di Villasanta eh, due giorni fa. E non mi è affatto dispiaciuto.

Alla prossima