venerdì 24 marzo 2017

Da qui si riparte (forse)

Cinque kg di troppo e pochi, pochissimi km nelle gambe da inizio anno.
L'ascesa delle Colma diventa quindi un momento memorabile. Nel senso che non me la dimenticherò presto. Arrivo in cima per ultimo dietro tutti, con un tempo imbarazzante, e con delle gambe che bruciano di continuo, come fossero piene di acido lattico, legnosissime.
Accadeva domenica scorsa, questo. Da lunedì allora ho guardato il pancione, non mi sono riconosciuto e allora, come già accaduto qualche anno fa, ho deciso di riprendere a corricchiare per buttar giù kg e a pedalare, per tornare ad arrivare davanti nelle mie salite.
Con una sfida lanciata all'amico che primeggia sulle salite in questo periodo: entro Pasqua, sul Cornizzolo (ha scelto lui il terreno) cercherò di scollinare per primo. Ecco, dopo un 2016 ciclisticamente buono, una sfida con nuovi stimoli era la che forse mi mancava.

Alla prossima

domenica 29 gennaio 2017

Ho ripreso

In settimana tra un volo e l'altro (eh...sì sì ... ho scritto bene) è difficile trovare il tempo di allenarsi, ma la domenica mattina sfidando il freddo che a volte segna temperature sotto lo zero sto riprendendo a pedalare.
Dopo alcuni mesi di stop per pensieri, la cosa che mi piace di più (sembrerà strano) è che essendo completamente fuori forma faccio tanta fatica a star con i primi del mio gruppetto di amici, anzi faccio addirittura fatica a non arrivare ultimo nelle salite in cui fino all'anno prima magari primeggiavo.
E' il piacere di ripartire, quasi come dopo un infortunio, che può capire solo chi ama lo sport.

Alla prossima

venerdì 6 gennaio 2017

La scighera















Dentro e fuori, si sta diradando.
Se non fosse fa un caxxo di freddo!

Alla prossima

lunedì 28 novembre 2016

Sta storia dei mosconi

La principessa mi dice sempre che un moscone in casa porti notizie.
Ne sono arrivati 3, dei primi 2 ho visto le novità portate, del terzo non ancora, e un po' lo temo, ma magari è già andato in prescrizione.
Ad ogni modo i primi due - a distanza di qualche giorno - hanno portato il primo via il vecchio travagghio e il secondo ha portato dentro il nuovo job.
Giovedì si ricomincia a tempo di record, con zero ore di stop.
As soon as possible, insomma. Sarò vecchio, forse per questo, ma sti cambiamneti frequenti mi turbano e destabilizzano. In fondo sono uno sportivo pantofolaio.
Ma domani e dopodomani sono giorni di vuotocheriempie, o si imbianca il box o si esce in bici, o entrambi, cercando di ricaricare un po' le pile e ripartire di slancio.
Meno male che tra un po' è Natale.

Alla prossima

mercoledì 2 novembre 2016

Sorpresa

Negli ultimi 3 mesi non si può dire che abbia pedalato seriamente, a parte il far girare le gambe con la MTB, casa-lavoro e ritorno, e solamente nei giorni di non pioggia.
Poi in particolare nelle ultime 3 settimane non ho superato i 200 km totali, e nel mese di ottobre ne ho pedalati complessivamente circa 350. Si aggiunga che nell'ultimo week end ho avuto una sorta di stato influenzale con afonia da picco di faringite/laringite che mi ha portato a prendere un paio di tachipirine.
Insomma le premesse per staccarmi dal gruppo prima ancora di iniziare la salita del Monte Barro - meta scelta per il mio rientro - c'erano tutte...e invece.
E invece con grandissima sorpresa non solo non mi stacco, ma le sensazioni sono buone e sul Monte Barro, tornando a casa, mi accorgo di aver addirittura abbassato con 14'55" il mio precedente PB.

mercoledì 26 ottobre 2016

Rimandato

Dopo l'estate praticamente quasi solo mtb a passo cicloturistico casa lavoro e poco altro.
Lo scorso week end tutto sembrava pronto per il rientro ma si è messo di traverso il clima piovoso, che continua peraltro a limitare ance quei pochi e tranquilli km che avrei potuto fare durante la settimana lavorativa. Anche dei rulli ho poca voglia e le gambe sembrano farmi male anche senza pedalare. Addirittura forse mi fanno male anche più di quanto mi facevano male quando pedalavo. Bah...stranezze.
Forse il prossimo week end è la volta buona che ritorno sulla mia bdc. E sono proprio curioso di vedere quanto ho perso e quanto mi è rimasto.

Alla prossima

mercoledì 21 settembre 2016

La soglia del sudore


Andata e ritorno casa-lavoro da circa un anno. Ma non mi basta più. 
E allora dedico la pausa pranzo (un'ora giusta giusta) ad andare e tornare a Cernusco S/N. 
E fanno quasi 50 km al giorno, in un qualsiasi giorno lavorativo infrasettimanale purché non piovoso, 100% ciclabile o quasi, grazie a questo bel sito www.piste-ciclabili.com
E' ecologico, salutare, mi piace da morire.
Unico neo, andatura tranquilla per non sudare, essendo uscite che confinano con i diversi momenti della giornata lavorativa. 
Così procedendo dovrei arrivare 10.000 km  annui.

Alla prossima